Giro delle Dolomiti in Mountain Bike

pin-icon Dolomiti

close-icon

Chiudi

Condividishare-icon

facebook-iconemail-icon
giro-delle-dolomiti-in-mtb
giro-delle-dolomiti-in-mtb
giro-delle-dolomiti-in-mtb
giro-delle-dolomiti-in-mtb
giro-delle-dolomiti-in-mtb
giro-delle-dolomiti-in-mtb
giro-delle-dolomiti-in-mtb
giro-delle-dolomiti-in-mtb
giro-delle-dolomiti-in-mtb

Guarda la mappasmall-map-icon

Condividishare-icon

facebook-iconemail-icon

Questo pacchetto è solo su richiesta

Ci sono molti altri tour che potrebbero piacerti

Mezzo

Tour in MTBbike-large-yellow

Durata

8 giorni

calendar-colored

Durata

275Km

distance-colored
people-icon

Self-guided

La bellezza di questo pacchetto risiede nella libertà che offre: senza una guida, sei libero di decidere tempi, ritmo e soste del tuo viaggio. Viaggia in libertà, viaggia a modo tuo!
time-icon

Livello 5/5

Difficile, tra i 60 e più di 100 km giornalieri con un dislivello tra gli 800 e più di 2000 metri

large-map-icon

Anello

Il punto di partenza è uguale a quello di arrivo, pernottamento in hotel diversi e tappe giornaliere

Descrizione

Giorno 1: Alta Pusteria (Villabassa/Dobbiaco)
Arrivo individuale in Alta Pusteria al primo hotel. Parcheggio pubblico gratuito, non custodito nelle vicinanze dell’hotel.
Giorno 2: Alta Pusteria – Sesto – Val Visdende (47 – 52 km; +1.850 mt)
Il vostro Giro delle Dolomiti inizia senza grandi difficoltà lungo la pista ciclabile dalla valle che dall’Alta Pusteria sale verso Sesto. La prima lunga salita inizia a Moso, oltre il Nemesalm (1.636 m) e vi condurrà fino al Kniebergsattel (2.321 m), il punto più alto della tappa di oggi. Seguendo i tornanti scenderete poi lungo un comodo percorso fino a Malga Silvella. Dopo la rilassante discesa riprenderete a salire lungo una strada sterrata e, lasciata alle vostre spalle la Malga Melin (1.677 m), raggiungerete Passo Palombino (2.035 m) attraverso una vecchia strada militare. L’ultimo tratto un po‘ più impegnativo conduce alla Val Visdende, la destinazione di oggi.
Giorno 3: Val Visdende – Sappada – Auronzo di Cadore (50 km; + 1.750 mt)
Prima lungo un tratto asfaltato e poi su un sentiero di ghiaia salirete al Passo Col di Caneva (1.847 m) dove nasce il Piave; proseguirete poi attraverso la Val Sesis, incorniciata dal gruppo montuoso Peralba – Chiadenis – Avanza, fino a raggiungere Sappada (Plodn), città incastonata splendidamente nelle Dolomiti bellunesi dove si utilizza ancora oggi una parlata austriaco-bavarese. La successiva salita al Passo della Digola (1.674 m) non sarà troppo lunga, ma si farà a tratti ripida. Una volta tornati a valle, a pochi chilometri da Santo Stefano di Cadore, affronterete l‘ultima salita della giornata per raggiungere il bellissimo villaggio di Danta di Cadore da dove si scende infine verso la destinazione di tappa: Auronzo di Cadore.
Giorno 4: Auronzo di Cadore – Calalzo di Cadore – Borca di Cadore/dintorni (45 km; +1.550 mt)
Una lunga salita apre la tappa odierna del vostro Giro delle Dolomiti. Attraversando le due piccole valli montane della Val da Rin e della Val di Poorse, raggiungerete l’altipiano de Pian de Buoi a 1.800 metri di quota, senza dubbio uno dei luoghi più panoramici del Cadore! Un panorama mozzafiato sulle montagne delle Marmarole vi accompagnerà lungo i successivi chilometri in bici  mentre numerosi rifugi vi inviteranno a fermarvi per una sosta. Il Cadore fu teatro di guerra durante il primo conflitto mondiale e sul vostro percorso incontrerete molti musei, steli commemorative, monumenti dedicati proprio alla memoria di questo triste periodo storico. Dopo una breve discesa fino a Calalzo di Cadore concluderete bene la giornata con una pedalata tranquilla lungo la ciclabile che segue l’antica ferrovia delle Dolomiti.
Giorno 5: Borca di Cadore/dintorni – Alleghe – Selva di Cadore (47 km; +2.525 mt)
Oggi affronterete un dislivello importante, suddiviso però in più salite: la prima conduce da Vodo di Cadore attraverso la foresta fino al Rifugio Giampietro Talamimi (1.582 m). Proseguirete poi su un continuo saliscendi per raggiungere prima il villaggio di montagna Zoppè di Cadore, ai piedi del possente Monte Pelmo e infine la Forcella d‘Alleghe (1.827 m), il punto più alto della giornata. Avrete ormai percorso più della metà della tappa quando inizierete la discesa verso l‘omonimo villaggio. Dopo aver seguito il perimetro del lago creatosi nel 1771 in seguito ad una frana, vi aspetta un tratto relativamente in piano prima dell’ultima fatica per salire al pittoresco Colle Santa Lucia e infine a Selva di Cadore.
Giorno 6: Selva di Cadore – Cortina d’Ampezzo (34 km; +1.525 mt)
La tappa di oggi del vostro Giro delle Dolomiti sarà un po’ più corta, ma vi porterà a raggiungere la cima più alta dell’intero viaggio! Le imponenti e accoglienti vette delle Dolomiti vi terranno compagnia mentre pedalerete in direzione del Rifugio a oltre 2.400 metri di quota. Da qui continuerete quasi sempre in discesa, potendovi godere la vista su un panorama davvero unico. In breve attraverserete le Cinque Torri, una formazione rocciosa straordinaria, famosa non solo tra gli scalatori. Arrivati sotto alle Tofane, continuerete in direzione di Cortina d’Ampezzo, la perla delle Dolomiti.
Giorno 7: Cortina d’Ampezzo – Passo Tre Croci – Prato Piazza – Alta Pusteria (45 – 50 km; +1.625 mt)
La salita fino Passo Tre Croci segna l’inizio di questa ultima tappa del vostro Giro delle Dolomiti. Da qui proseguirete in ripida salita verso Passo Sòn Fòrca (2,110 m), sotto al Monte Cristallo, meraviglioso con i suoi oltre 3,200 metri, prima di ridiscendere attraverso la Val Padeon. Una antica strada militare vi porterà in salita al noto altipiano di Prato Piazza; fate una sosta in una baita o una tipica locanda di montagna per gustare le ottime specialità tirolesi. All’ombra dell’Hohe Gaisl approfittatene per ripercorrere mentalmente tutte le tappe di questa avventura in bici per fissarle bene nella memoria. Ora non vi resta che percorrere l’ultima idilliaca discesa verso la Valle di Braies e seguire infine la ciclabile fino a Villabassa o Dobbiaco.
Giorno 8: Villabassa/Dobbiaco
Dopo colazione, termine dei servizi.
Partenza individuale o prolungamento del soggiorno.

Incluso

  • Assicurazione medico bagaglio 24/24
  • Pernottamento e prima colazione
  • Tracce GPS
  • Trasporto bagagli da hotel a hotel durante il tour
  • Assistenza Telefonica locale 7/7
  • Briefing di benvenuto
  • Descrizione dettagliata del percorso con mappe

Non incluso

  • APP
  • Transfer qualora non specificati ne "La quota include"
  • Tasse di soggiorno
  • Mance
  • Viaggio a/r dal punto di partenza
  • Pasti e bevande non specificati ne "La quota include"
  • Noleggio bicicletta
  • Extra in genere
  • Ingressi, traghetti e quanto non espressamente indicato ne "La quota include"

Penali di cancellazione

  • Da 29 giorni prima della data di partenza: rimborso del 75%
  • Da 13 giorni prima della data di partenza: rimborso del 50%
  • Da 7 giorni prima, l’importo non è rimborsabile.

Giro delle Dolomiti in Mountain Bike

  • Per immergersi nell’infinità di colori della Val Pusteria, conosciuta anche come La Valle Verde
  • Per rilassarsi alla Malga Silvella circondati dall’anfiteatro del Col Quaternà e del monte Cavallino, dopo la salita al Kniebergsattel, a oltre 2000 metri di quota
  • Per raggiungere l’incantevole località di Sappada, che oltre alle bellezze naturalistiche, vanta anche una particolare architettura rurale fatta di case in legno costruite con un’antica tecnica chiamata blockbau basata sulla sovrapposizione di tronchi
  • Per immergersi negli scenari mozzafiato di Pian de Buoi, area di enorme pregio naturalistico e paesaggistico, che rappresenta il limite delle Marmarole Orientali, costituita da immensi prati, colli e valli erbose e custode di numerosi manufatti risalenti alla Prima Guerra Mondiale du cui fu tristemente teatro
  • Per andare alla scoperta delle antichissime origini di Selva di Cadore, nel cui Museo Civico è conservato lo scheletro dell’Uomo di Mondeval, cacciatore mesolitico che popolò questa zona tra il 10.000 e l’8.000 a.C.
  • Per rimanere senza fiato di fronte allo spettacolo unico delle Cinque Torri, attraversarle in sella alla mountain bike e da qui raggiungere Cortina d’Ampezzo, la perla delle Dolomiti
  • Per attraversare i Parchi Naturali delle Dolomiti di Sesto, delle Dolomiti Ampezzane e di Fanes-Sennes-Braies
  • Per ripercorrere mentalmente tutte le tappe di questo straordinario tour in mountain bike dominando la Valle di Braies dall’altipiano di Prato Piazza, terrazza panoramica senza eguali, considerata una delle zone escursionistiche più belle dell’Alto Adige
  • Per vivere un’autentica avventura andando alla scoperta dei paesaggi mozzafiato e delle antiche tradizioni delle Dolomiti in mountain bike

Pacchetto solo su richiesta.

Alcuni dei nostri tour non sono disponibili o prenotabili al momento. Se sei interessato a questo tour, allora richiedi maggiori informazioni al nostro team sulle prossime disponibilità, o su un tour simile disponibile o prenotabile sin da subito!

Domande frequenti

  • Posso portare la mia bici?

    arrow-down-icon
  • Che tipo di assistenza ho durante il viaggio?

    arrow-down-icon
  • Come capisco se un tour è alla mia portata?

    arrow-down-icon
  • Qual è il costo del noleggio delle biciclette?

    arrow-down-icon
  • Le bici noleggiate sono dotate di accessori come luci o borse?

    arrow-down-icon

Organizzato da

cyclando-logo

FunActive Tours srl

Cyclando srl

Tour operator con Assicurazione RC Europe Assistance 4249713 - Iscritto al Fondo di Garanzia con Polizza n° 40321512000746 di TUA ASSICURAZIONI. All rights reserved.

P.IVA: 03880320365

Termini e condizioniCondizioni generali di vendita dei pacchetti turisticiTermini e condizioni B2BPrivacy PolicyCookie Policy

© Cyclando 2024 - All rights reserved.

Version 1.8.1

Navigazione

Domande FrequentiContributiBlogChi siamo

Iscriviti e ricevi offerte di viaggio uniche!

Entra a far parte della nostra community, resta aggiornato sulle nostre attività