Viarhôna: La Ciclabile Del Rodano Da Condrieu Ad Avignone | Cyclando.com
×

Vedi i prezzi

Preventivo

Durata:

6 giorni / 5 notti

Partenze:

Dal: 01/04/2020

Al: 31/10/2020

  • Tutti i giorni

Quote individuali:

Quota di partecipazione in camera doppia 687,00
Supplemento camera singola 406,00
Notte extra a Condrieu (camera doppia) 131,00
Supplemento notte extra a Condrieu (camera singola) 88,00
Notte extra a Avignon (camera doppia) 122,00
Supplemento notte extra a Avignon (camera singola) 53,00

Extra:

Supplemento nolo bici 178,00
Supplemento nolo e-bike 255,00
Supplemento nolo bici bambino 155,00
Supplemento nolo trailer 144,00

Supplemento trasporto bagagli

181,00
×

Programma

Preventivo

1° giorno: Condrieu (30 km)
Arrivo individuale a Condrieu, in hotel, dove vi verranno consegnate le biciclette (se noleggiate).
Non potrete non notare che qui la natura è onnipresente. Le colline sulle quali prosperano i vigneti della prestigiosa DOC Condrieu, degradano verso il Parco Naturale Regionale del Pilat, dominando il fiume dall’alto dei loro terrazzamenti.
Pernottamento in hotel a Condrieu.

Se avete tempo e voglia di iniziare subito a pedalare, vi suggeriamo un itinerario ad anello di circa 30 km. Avrete così la possibilità di immergervi nella storia gallo-romana e di godervi la bellissima pista ciclabile che collega Condrieu alla città di Vienne. Vi consigliamo una visita al sito archeologico di Saint Romain en Gal, il più grande di Francia tra quelli dedicati alla civiltà gallo-romana e una delle più vaste aree residenziali romane scoperte nel paese. Vienne è città d’Arte e di Storia; da non perdere il Tempio di Augusto e Livia, il ristorante (stellato) La Pyramide e il Giardino archeologico di Cibele. Il Teatro romano, risalente al 40-50 d.C., viene ancora utilizzato durante il Summer Jazz Festival.
Sulla via del ritorno, passerete davanti alla Torre dei Valois (1343), ultimo resto delle fortificazioni della città, e dalla Riserva Naturale dell’Île du Beurre.

2° giorno: Condrieu – Tain l’Hermitage (56 km)
Una volta lasciata Condrieu, la pista ciclabile corre lungo la sponda destra del Rodano e raggiunge dapprima la diga di Saint Pierre de Boeuf e in seguito la Riserva Naturale Nazionale dell’Isola della Plantière, stretta tra due rami del fiume.
Si entra infine a Sablons, dove passerete nuovamente sulla sponda sinistra del Rodano per seguirla fino a Saint Vallier. Si riattraversa il fiume e si raggiunge la bella cittadina di Tournon.
Entrerete a Tain l’Hermitage attraverso il suggestivo ponte sul Rodano e in serata potrete godere della vista sul castello di Tournon illuminato mentre degustate un bicchiere di Hermitage, famosa e pregiata DOC locale.
Pernottamento in hotel a Tain l’Hermitage.

3° giorno: Tain l’Hermitage – Le Pouzin (60 km)
Una bella pedalata di circa 12 chilometri attraverso la natura e lungo sponde del Rodano vi condurrà al piccolo comune di Pont de l’Isère.
Si attraversa il fiume Isère, che nasce in Savoia e dopo 290 chilometri si getta nel Rodano, su di un ponte ciclopedonale e dopo un altro breve tratto di strada si raggiunge la bella città di Valence, porta d’ingresso al Sud della Francia. Una volta in centro passate, per una sosta romantica, dal Chiosco Peynet, cassa armonica dedicata al famoso illustratore creatore di Valentino e Valentina, Les Amoureux.
Una volta lasciata la città, l’itinerario vi condurrà attraverso i paesini di Charmes, Beauchastel e Voulte-sur-Rhône, porta d’ingresso al dipartimento dell’Ardèche, fino a Le Pouzin.
Pernottamento in hotel a Le Pouzin.

4° giorno: Le Pouzin – Pierrelatte (60 km)
La tappa odierna, lungo la sponda destra del Rodano, è ricca di contrasti. Farete un salto indietro nel tempo attraversando i paesi di Cruas e Rochemaure, quest’ultimo dominato dai resti del castello che svetta dall’alto di un pinnacolo di origine vulcanica, vi lancerete all’avventura percorrendo il nuovissimo ponte tibetano sul Rodano, vi immergerete nella meravigliosa natura di un’isola pedalando a fianco del fiume Rodano, da un lato e un quieto canale di deviazione dall’altro e infine raggiungerete il ponte romano di Viviers.
L’itinerario prosegue poi per la Cité du Barrage e Bourg Saint Andéol, antico insediamento gallo-romano che vanta il più alto numero di monumenti classificati patrimonio dell’Umanità di tutto il dipartimento dell’Ardèche.
Si attraversa ancora una volta il Rodano e si arriva a Pierrelatte.
Pernottamento in hotel a Pierrelatte.

5° giorno: Pierrelatte – Pont Saint Esprit – Avignone (62 km)
Il nostro itinerario prosegue la sua discesa verso sud percorrendo piccole strade secondarie e tratti di pista ciclabile fino a Pont Saint Esprit, che raggiungerete percorrendo il suo famoso ponte medievale, il più antico tra quelli sul Rodano ancora in funzione e certamente uno dei più imponenti con i suoi 920 metri di lunghezza e le 26 arcate. Una volta arrivati in città, vi suggeriamo di visitare almeno alcuni dei suoi tanti tesori, come la chiesa di Saint Pierre, quella di Saint Saturnin e la Maison des Chevaliers, antica dimora patrizia che ospita al suo interno il museo di arte sacra del dipartimento.
L’itinerario ciclistico prosegue poi sulle sponde del fiume e attraverso i frutteti della Valle del Rodano. Siamo ormai in Provenza e i tratti di campagna si alternano ai caratteristici paesini. Tra le cose più meritevoli di nota: il campanile triangolare della chiesa di Saint Michel a Caderousse, l’Isola della Barthelasse con i suoi 2 ponti consecutivi separati dalla più piccola Île aux Papes, la Torre medievale Filippo il Bello di Villeneuve-lès-Avignon ai cui piedi galleggiano alcuni barconi regalando al luogo un tocco di colore.
Si lascia l’isola attraverso il Pont du Royaume e si entra ad Avignone.
Pernottamento in hotel ad Avignone.

6° giorno: Avignone
Dopo colazione, termine dei servizi.

L’ultimo tratto della ViaRhôna, la ciclovia del Rodano, che dalle colline ricoperte dai vigneti delle Côtes du Rhône scende fino alla Provenza e alla splendida Avignone. Un bellissimo itinerario cicloturistico lungo le sponde del fiume e attraverso oltre 2000 anni di storia.

Un viaggio che segue il corso del fiume Rodano: un modo autentico e inusuale di andare alla scoperta dei meravigliosi vini delle Côtes du Rhône, dei suoi tesori architettonici, delle sue bellezze naturali. Questo itinerario cicloturistico copre l’ultimo tratto della ViaRhôna, che dalle Alpi raggiunge la Provenza e il Mediterraneo. In questi 5 giorni viaggerete attraverso oltre 2000 anni di storia, scoprirete le sorprendenti opere architettoniche sorte nel corso dei secoli lungo le sponde del Rodano e vi stupirete di quanto sia semplice e naturale spostarsi dall’uno all’altro in bicicletta. Le piste ciclabili che vi ritroverete a percorrere sono tra le più moderne; l’itinerario coincide infatti con l’ultimo arrivato nella rete degli Eurovelo, si tratta del numero 17, la ciclovia del fiume Rodano. Pronti a saltare in sella?
Programma

Contattaci

Caratteristiche

Terreno: prevalentemente pianeggiante o in leggera discesa ma con anche qualche salita. Lunghezza media delle tappe 54 km percorribili in 4 ore di pedalata. L’itinerario è ben segnalato.
Strade: itinerari ciclabili a traffico misto, piste ciclabili, strade secondarie, strade cittadine
Partecipanti: minimo 2
Trasporto dei bagagli: si, effettuato con dei taxi; è consentito portare 1 bagaglio a persona, max 15 kg.
Consigliato per bambini: si, da 13 anni con la propria bici (altezza minima 150 cm).
Biciclette: bici ibrida equipaggiata con una sacca laterale; nolo casco incluso.
Nel caso usiate la vostra bici consigliamo bici ibride.
Punto di partenza: Condrieu. Arrivo nel pomeriggio, possibilità di effettuare una tappa circolare in bici.
Fine del tour: Avignone
Ritorno al punto di partenza: possibile in treno da Avignone a St Clair/Les Roches ( Sncf)
Assistenza telefonica: assistenza telefonica garantita in inglese e francese dall’organizzatore locale.
Documenti di viaggio: guida/roadbook in francese o inglese; tracce GPX su richiesta.
Pasti e diete particolari: il tour include la prima colazione. Vi preghiamo comunicarci al momento della prenotazione se avete allergie.
Note: nelle località toccate dal tour la richiesta è molto alta; per evitare problemi di disponibilità consigliamo di prenotare con molto anticipo.
Note sulla classificazione alberghiera: in Francia la classificazione delle strutture è facoltativa di conseguenza molti hotels, chambres d’hotes, ecc. rifiutano ogni ordinamento, e lo fanno anche strutture che fino a pochi anni fa avevano una classificazione ufficiale. Questo non significa che siano di minore qualità; se viene indicato un “comfort livello 3* o equivalente” significa che la struttura ha scelto di non aderire ad una classificazione ufficiale, ma si reputa che il livello di comfort sia lo stesso. Segnaliamo inoltre che le norme di classificazione non sono le stesse nei vari paesi per cui può non esserci corrispondenza tra i criteri italiani e quelli esteri.

Fatto da: Grandangle

×

Contattaci

Menu