San Lorenzo In Collina: Castelli Scomparsi E Cavalieri Medievali | Cyclando.com
×

Vedi i prezzi

Preventivo

Durata:

1 giorni / 0 notti

×

Programma

Contattaci

Un itinerario ad anello attraverso la storia tra pievi e antiche chiese

Prima di intraprendere il cammino, vi consigliamo la deviazione in salita che vi condurrà alla chiesa di San Lorenzo in Collina da cui potrete ammirare a sud, su una collinetta, l’Oratorio di Capramozza, mentre a sinistra della chiesa il vostro sguardo potrà spaziare sui calanchi in cui è stato ritrovato lo scheletro di una balena pliocenica, conservato al Museo Capellini di Bologna.

Tornati sui propri passi ci si incammina lungo Via Salvo D'Acquisto fino all'intersezione con la strada principale; si gira quindi a destra se si percorre il tragitto camminando, mentre per le MTB è vivamente consigliata la deviazione a sinistra che porta in discesa all'intersezione con Via Landa, che si imbocca a destra per riconnettersi dopo 400 metri col percorso.

Giunti sulla strada provinciale si gira a destra e dopo qualche centinaio di metri ci si immette su Via Puglie, strada sterrata che salendo consente di avere visuali suggestive e ad ampio raggio sulla vallata e sulle colline circostanti. Giunti al podere Casazza si prende la strada verso destra in direzione della vicina chiesa di Amola, da cui si gode un bel panorama sulla valle del Lavino. È possibile effettuare una brevissima deviazione proseguendo su Via Grazia fino a raggiungere il vicino cimitero, dove è collocato il cippo dedicato al partigiano Amleto Grazia, qui fucilato.

Si prosegue di fronte alla chiesa percorrendo la strada sterrata di crinale CAI 211 che con piacevoli sali scendi e sotto le volte degli alberi, vi conduce per un chilometro e mezzo circa fino all'imbocco del percorso PAM, sulla destra. Dopo poco comincia la discesa che offre una visuale sulla vallata sottostante, costeggiando palazzo Mengolo fino a giungere all'intersezione con la strada provinciale; qui teniamo la sinistra. Percorsi circa 300 metri si sale a destra su fondo inizialmente cementato verso il podere “La Buca”, circondati da vigneti, case in sasso, laghetti fino ad entrare nel meraviglioso tratto dentro al bosco di Monte Avezzano, sul sentiero CAI 209; si giunge quindi sulla strada asfaltata in discesa e si risale a sinistra su strada sterrata giungendo alla Cà Bianca.

Si prosegue a destra su Via Pradalbino, in questo tratto asfaltata, per scendere verso l'abitato di San Lorenzo in Collina dove si ripercorre Via Salvo D'Acquisto per raggiungere il punto di partenza.

Programma

Contattaci

Fatto da: Comune di Monte San Pietro

×

Contattaci

Menu